Silvia Bigi | Bract
Seleziona una pagina

Silvia Bigi

Quanti sono: 1
Da dove viene: Ravenna
Tipologia restituzione: Incontro, dibattito
Tipologia interazione: Condivisione fotografica
Data evento: 27 Luglio
Luogo evento: Prali Agape

Partecipa all'evento

CHI È

Silvia Bigi è interessata alla dualità dell’essere umano, al suo collocarsi tra natura e cultura. Destino biologico e potenzialità del singolo entrano spesso in conflitto con leggi e dogmi sociali, condizioni inevitabili del tempo in cui si vive.

Come saremmo se vivessimo senza sovrastrutture? Partendo da questa riflessione, l’artista visiva osserva rituali e transizioni da una certa distanza. L’obiettivo è rivelare l’illusione della reiterazione e degli automatismi che incidono sulla nostra vita.
Il corpo è il centro del suo lavoro, usato come «messaggero»; una sorta di penna attraverso cui raccontare storie, poiché la nostra esperienza terrestre passa inevitabilmente attraverso di esso.

COSA FA

In questa breve residenza Silvia vorrebbe lavorare sullo sguardo in macchina.
In fotografia, guardare verso l’obiettivo fotografico è qualcosa di consueto, a cui tutti siamo estremamente abituati.

Lavorare su questo concetto, declinandolo in particolare al femminile, al fine di realizzare un’opera in cui, a partire dalle suggestioni del luogo ospitante, quegli sguardi ritrovino dignità e significato. Generare uno spazio di riflessione e di scambio, una “geografia invisibile” fatta di sguardi che si incontrano e conducano ad una riflessione profonda.

Per il progetto dell’artista visuale sarà fondamentale coinvolgere le donne chiedendo loro di mettere in condivisione immagini che le ritraggono, immagini condivise nei social, immagini in cui lo sguardo sia motivo di dibattito e di riflessione. L’attenzione sarà sullo sguardo per poi riflettere sul senso di esso in fotografia, prelevando anche fotografie del passato da archivi digitali e/o fisici.

RESTITUZIONE

A fine residenza Silvia racconterà il lavoro realizzato e proporrà un talk-dibattito sull’argomento, cercando inoltre di realizzare alcuni test di visione in sede.