Federica Tammarazio a BRACT Arona 2019 | Bract
Seleziona una pagina

Il diario di viaggio è da secoli uno degli strumenti di narrazione e descrizione di luoghi ed esperienze in cui la dote scrittoria del viaggiatore contribuisce ad aprire uno sguardo da esterno su panorami naturali, urbani e storici d’Italia. Dal celebre Gran Tour settecentesco intrapreso dagli artisti in formazione alle guide topografiche e storiche ideate da cartografi, letterati e connoisseurs, sono varie le pagine che raccontano Arona e il Lago Maggiore.

Con Cahier de voyage – Art Brunch il linguaggio dello storytelling, tessuto con la storia e la storia dell’arte, ripercorre gli sguardi dei molti viaggiatori in un unico racconto, accompagnato da una sostanziosa colazione, sposando la filosofia per cui sia sempre bene viaggiare a pancia piena.

Con queste premesse arriva a B.R.A.C.T. Federica Tammarazio, “una contemporaneista senza rimpianti e collezionista di titoli accademici”, come suole definire se stessa, attiva all’interno di Pentesilea, associazione culturale volta principalmente alla creazione di progetti culturali legati alla storia e alla storia dell’arte.

Durante la settimana di residenza il suo obiettivo sarà quello di produrre una propria versione del cahier de voyage, consultando le fonti storiche del territorio e coinvolgendo i viaggiatori contemporanei incontrati ad Arona attraverso piccole azioni di dialogo e confronto, innescate in collaborazione con albergatori e strutture ricettive.

Cahier de voyage – Art Brunch si concluderà sabato mattina al Wood, con uno storytelling accompagnato da una colazione preparata e offerta all’interno del circolo.